IL COMMERCIALISTA

esperto del settore immobiliare

e della cessione dei crediti da detrazioni edilizi

110% - 90% - 65% - 50%

AFFIDATI A NOI per la

GESTIONE delle PRATICHE di

BONUS di RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA

IMPRESE del SETTORE RISPARMIO ENERGETICO
IMPRESE
TERMOIDRAULICHE
IMPRESE dell'EDILIZIA 

PRATICHE DI SCONTO IN FATTURA E CESSIONE DEI CREDITI PER

AMMINISTRATORI  
di CONDOMINIO
FORNITORI di MATERIALI
INGEGNERI
GEOMETRI
ARCHITETTI

Per GESTIRE

lo sconto in fattura o la cessione dei crediti

a una banca o alle poste o ai fornitori

serve un COMMERCIALISTA ESPERTO

che si occupi della CESSIONE del CREDITO 

e del VISTO DI CONFORMITÀ quando occorre

Che cos'è la cessione del credito?

Dal 1° luglio 2020, i bonus edilizi che nascono con le spese di ristrutturazione possono essere recuperati con lo sconto in fattura cedendo il credito al proprio fornitore o anche a una Banca o alle Poste.

Sono le novità prevista dal Decreto Rilancio 2020.

Prima del 2020, era possibile soltanto portare in detrazione dalle tasse future con il 730 o la Dichiarazione dei Redditi le spese sostenute per ristrutturare o riqualificare energeticamente la casa. In pratica, in caso di ristrutturazione, spendendo 10.000 €, si poteva scalare 5.000 euro dalle  tasse future in 10 anni. 

Tuttora, questo sistema è utilizzabile.

Ma è stata introdotta l'alternativa di poter cedere il credito della detrazione a un istituto, sia esso una banca, le poste o un'assicurazione, ottenendo subito i soldi. Ovviamente, si ottiene poco meno del credito, in quanto la banca dovrà trattenere un interesse dalla procedura di smobilizzo finanziario. Diciamo che si perde circa il 10% / 20 %. Si tratta di scegliere. Meglio l'uovo o la gallina?

Di sicuro è un'opzione straordinaria per gli incapienti, cioè per coloro che pagano poche tasse IRPEF.

0587 331153

Quali sono i bonus che potrai cedere?

Ecco gli interventi che possono beneficiare dello sconto in fattura e della cessione del credito:

a) interventi del Superbonus 110% introdotto dal Decreto Rilancio del 2020;

b) recupero del patrimonio edilizio (articolo 16-bis D.P.R. 917/1986). Si tratta del tradizionale bonus 50% sulle ristrutturazioni edilizie;

c) interventi di efficienza energetica ecobonus 65% come la sostituzione della caldaia;

d) adozione di misure antisismiche dove si applica il sismabonus del 110%;

e) recupero o restauro di facciate degli edifici esistenti (inclusi interventi di sola pulitura o tinteggiatura esterna) bonus facciate 90%;

f) installazione di impianti fotovoltaici bonus risparmio energetico al 110%;

g) installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici bonus colonnine elettriche al 110%;

Mentre ricorda che non potrai cedere il bonus mobili e il bonus verde, ma solo portarli in detrazione in 10 anni!

Lo Studio gestisce l'intera pratica dal visto di conformità alla cessione del credito in 5 semplici passi

Elenco dei documenti necessari

Una semplice check-list riporta l'elenco dei documenti necessari per il visto di conformità e la cessione del credito. Durante il colloquio con l'esperto commercialista si individuano quali documenti devono essere trasmessi. Il nostro esperto insieme a voi compilerà la check List e vi indicherà i documenti necessari.

Utilizziamo un nostro software per garantire al cliente tutta la procedura in modo sicuro e veloce.

1

Esame e istruttoria dei documenti

eseguita dal commercialista esperto di bonus edilizi 

Verranno esaminati tutti i documenti e ne verrà controllata la regolarità. È importante questa verifica perché nella cessione del credito in caso di errori chi ci rimette è sempre e soltanto il privato beneficiario.

Sapevi che l'Agenzia delle Entrate ha ben 8 anni per fare i propri controlli sui bonus edilizi  del 110%?

Dunque l'istruttoria è fondamentale saperla fare con accuratezza proprio per garantire anzitutto il privato e a cascata i fornitori degli interventi edilizi.

2

Rilascio del visto di conformità

Il visto di conformità serve unicamente per poter beneficiare della cessione del credito nel caso di interventi al 110%. Con questo visto il commercialista, dopo aver verificato i documenti, ne dichiara la regolarità assumendosene la responsabilità con la propria assicurazione professionale.

3

Pratica all'Agenzia delle Entrate di comunicazione

dello sconto in fattura o della cessione del credito

Il commercialista dopo aver apposto il visto di conformità, deve comunicare all'agenzia delle entrate l'importo che viene smobilizzato attraverso la cessione diretta al proprio fornitore o alla Banca o Poste.

4

Gestione della cessione del credito alla banca per lo smobilizzo del bonus

        Ci potrebbero essere più possibilità da gestire:

  1. quando il privato beneficiario cede il credito al fornitore

  2. quando il fornitore lo cede alla banca

  3. quando la cessione avviene direttamente dal privato alla propria Banca o alle Poste.       

         I nostri esperti si occupano di ogni tipo di cessione del credito.     

5

Perchè scegliere il nostro team

ESCLUSIVITÀ

Siamo in grado di gestire tutte le fasi legate ai BONUS EDILIZI con un metodo organizzato e un protocollo preciso per ottimizzare ogni step

COMPETENZA

Siamo professionisti esperti del settore immobiliare dotati delle necessarie competenze e di una solida esperienza al fianco delle imprese e dei privati.

FOCUS

Il nostro focus è offrire al cliente la possibilità di smobilizzare il più velocemente possibile i bonus edilizi evitando le frequenti lungaggini che potrebbero capitare

0587 331153

CHI SONO

Mi chiamo Claudio Esposito e sono un dottore commercialista esperto di fiscalità e agevolazioni nel settore immobiliare e dei bonus fiscali per imprese, studi di professionali e privati n modo da far ottenere in modo veloce e semplice la liquidità necessaria.

claudio_commercialista.png